Erezione del pene

Erezione libido

Basi biochimiche del desiderio in piedi dopo lerezione ipotesi di terapia biologica M.

Metti alla prova la tua conoscenza

Mancini, G. Ne consegue una modifica a catena di alcuni neurotrasmettitori centrali.

La serotonina ha effetto inibitorio sul comportamento sessuale. La dopamina ha erezione libido favorente sul comportamento sessuale.

Definizione

Tra le sedi di azione ricordiamo quella mesolimbica che stimola il desiderio sessuale. La noradrenalina in sede centrale favorisce i fenomeni erettili.

erezione libido

Uno stimolo centrale sui recettori alfa2-adrenergici presinaptici blocca il rilascio di noradrenalina che innesca la risposta sessuale centrale. Per questo farmaci coma la yohimbina agiscono a livello centrale bloccando i recettori alfa2 e permettendo il rilascio di noradrenalina in prossimità dei recettori delle regioni spinali proerettili.

erezione libido

In sede centrale è documentato nel ratto lo stimolo sulla libido. Tali effetti sono aboliti dalla castrazione e sono dunque erezione libido il controllo del testosterone.

  • Come il pene
  • Infertilità Erezioni notturne Le erezioni notturne sono un evento normale, e possono avvenire più volte nel corso della notte mediamente 3 volte per notte.
  • Si manifesta con una riduzione della frequenza e dell'intensità del desiderio sessuale, sia spontaneo, sia in risposta a stimoli erotici.

I livelli di testosterone nel soggetto eugonadico sembrano correlati al livello di interesse sessuale e al numero di orgasmi ma i dati sono ancora contraddittori. Un esercizio fisico submassimale come avviene negli allenamenti degli atleti e negli addestramenti militari riduce i livelli di testosterone.

erezione libido

Un trattamento che riporti a livelli fisiologici un testosterone mancante aumenta la libido. Nella sindrome di Klinefelter, pur in presenza di ipogonadismo, spesso coesiste una regolare vita sessuale.

erezione libido

Gli eunuchi negli harem talvolta riuscivano a soddisfare le concubine. Ad oggi una terapia etiologica dei disturbi del desiderio è ancora da definire, in attesa di un miglioramento delle conoscenze ancora frammentarie. Edited by Aldo Campana.