01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE

Il pene era nel frigorifero, E così scoprii quanto mi piace il cazzo pt.1 - Histoire de Homme gay gratuite sur valleaquila.it

Navigazione principale

Mi sono sposato e ho avuto diverse donne nella mia vita. Anche se questa storia pone seri dubbi sulla mia sessualità. La storia di quando scoprii quanto mi piace il cazzo. Risale al tempo in cui ero studente; era estate e con Roberto stavamo preparandoci per il primo esame universitario: Eravamo soli a casa sua, due sedie, un tavolo, e due libri di biologia. Pensavi a Laura?

Armin Meiwes

Si sedette accanto a me e riprendemmo a studiare. Ogni tanto lo sguardo mi cadeva tra le sue gambe, vicinissime alle mie. Aveva un cazzo lungo, dritto come un tubo, liscio, con una venatura sul dorso, con la cappella quasi completamente coperta dal prepuzio.

Forse mi piaceva guardarlo? In programma per la serata avevamo un cinema distensivo, poi saremmo tornati a casa sua, dove avrei dormito per continuare a studiare il giorno dopo.

  • CAVERJECT ® - Foglietto Illustrativo
  • Video Anche il frigorifero manda virus e spam: centomila elettrodomestici smart nel mirino degli hacker Attacco ai dispositivi domestici di nuova generazione, connessi al web ma senza difese informatiche.

Durante la proiezione mi successe una cosa sorprendente. Mi sorpresi - quando apparivano un uomo e una donna entrambi nudi, a guardare soltanto l'uomo,a fissare lo sguardo sul cazzo e ad ogni scena successiva attendevo con desiderio un nuovo nudo maschile.

Più di quello femminile.

Ma quella non mi aveva provocato alcuna eccitazione, soltanto una prolungata curiosità… In casa, dopo, mi sedetti in soggiorno per fumare, mentre Roberto si spogliava per andare a letto: dalla poltrona sulla quale ero seduto potevo vederlo chiaramente; rimasto in slip, attendevo con ansia il momento in cui se li sarebbe tolti.

Ma non lo fece, sdraiandosi sul letto e augurandomi la buonanotte.

il pene era nel frigorifero

Ebbene si, mi sentivo deluso. Si, bellissimo. Mi risedetti, confuso e compiaciuto, con lo sguardo fisso su quello splendido cilindro di carne maschile.

carlettone

Cosa mi è preso oggi? Ed erano tutte piacevoli, senza dubbio. Come in ipnosi mi diressi lentamente verso la stanza di Roberto; la porta era aperta e lui giaceva sempre nudo e supino, con il cazzo semieretto il pene era nel frigorifero piegato da un lato, che scopriva le palle sode, con un rafe mediano perfettamente disegnato e la cappella semicoperta: ne rimasi incantato, era bellissimo.

Indugiai un poco su quella visione e poi mi avvicinai, inginocchiandomi a i piedi del letto per avvicinare il viso al suo gioiello: adesso era vicinissimo.

In un pentolino antiaderente, mi raccomando, fate sciogliere una noce di burro bella grande e unite due cucchiai di farina setacciata. Mescolate bene con la frusta per far si che si formi il roux. Versate nella stessa pentola mezzo bicchiere di latte e, a fuoco basso, mescolate per ottenere una bella cremina densa. Aggiungete un pizzico di sale, un po' di pepe e la noce moscata.

Sensazione fantastica: era caldo, liscio, setoso, di consistenza morbida e dura allo stesso tempo e stava ingrossandosi rapidamente, fino a automassaggio del tuo pene durissimo. Un cazzo nella mia bocca.

E così scoprii quanto mi piace il cazzo pt.1

Ed era la cosa più piacevole, più bella che avessi mai provato. Altro che la fica, che sembra una ferita ed ha un sapore acre. Salii sul letto e mi chinai per continuare a succhiare quella meraviglia, avvicinando il mio cazzo alla sua bocca che quasi immediatamente lo fece suo: il contatto con la sua lingua mi fece venire immediatamente.

Fabri Fibra - Stavo Pensando A Te

La sua sborra era divina, dolce e profumata, sapeva di muschio e di maschio; la feci rimanere a lungo nella mia bocca e poi la ingoiai tutta.

Ne volevo ancora, ero insaziabile.

il pene era nel frigorifero

E impazzito. Io sono gay, sono sempre stato gay. Tu forse no ma che ti piaccia il cazzo sembra non ci siano dubbi. Ed erano proprio tanti, tutti quei cazzi nudi. Alla fine mi addormentai con il suo cazzo in mano.

Armin Meiwes - Wikipedia

Al risveglio la prima cosa che vidi fu il suo cazzo. Ci il pene era nel frigorifero qualche secondo per realizzare cosa avevo fatto la notte appena trascorsa.

il pene era nel frigorifero

Ma non ci fu tempo per la vergogna, anzi, la visione di quel cazzo mi rese felice. Lo svegliai facendolo venire nella mia bocca.

Caverject - Foglio Illustrativo

Ancora quel sapore, ancora quel profumo. Quello di maschio, quello che amo di più. Abonnement il y a 2 ans 7