Generalità

Una malattia in cui scompare lerezione. La disfunzione erettile: come si manifesta e i dati sulla diffusione

Il deficit erettile al mattino può essere considerato una malattia?

Il termine disfunzione erettile è più corretto del termine impotenza, proprio perché definisce più precisamente la natura di questa disfunzione sessuale. Una normale Erezione implica una corretta funzione integrata dei sistemi nervoso, circolatorio ed endocrino.

la verità sul pene

I disturbi erettili sono molto diffusi, secondo alcune stime sono milioni gli uomini che ne sono colpiti nel mondo. Sebbene possa presentarsi a qualsiasi età, la disfunzione erettile è più frequente negli uomini di età superiore ai anni.

mungere il pene

Ma giocano un ruolo importante anche il fumo di sigarettala sedentarietà e il sovrappeso che sono in definitiva i fattori di rischio delle malattie cardio-vascolari. Lo sono invece le le ragazze hanno unerezione al mattino comunemente praticate per il trattamento del tumore, come la prostatectomia radicale, la radioterapia e le terapie ormonali.

Cause psicogene Per anni quella psicogena è sembrata essere la più comune causa di disfunzione erettile; oggi i dati epidemiologici indicano che spesso è determinata o accompagnata anche da alterazioni di natura organica.

complimenti per il pene

Negli uomini con iperprolattinemia si ha invece un aumento della prolattina, che determina un deficit erettile associato a riduzione della libido e infertilità. Cause neurogene Tra le patologie neurologiche a carico del sistema nervoso centrale che possono essere correlate alla disfunzione erettile occupano un ruolo di primo piano la Sclerosi multiplala malattia di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

Altre cause iatrogene di danno vascolare sono alcuni tipi di interventi chirurgici e la radioterapia della pelvi in caso di malattia oncologica. Sul piano sistemico, le patologie cardiovascolari rappresentano una delle principali condizioni predisponenti per la disfunzione erettile.

Un soggetto con una patologia cardiovascolare di qualsiasi tipo presenta un rischio più che raddoppiato di sviluppare un deficit erettile rispetto ad un maschio sano. Cause legate a patologie croniche Tra le malattie croniche che possono indurre disfunzione erettile, diabete e insufficienza renale cronica sono quelle che fanno registrare una più elevata incidenza.

Quando l'erezione è difficile o non c'è. Che cosa fare?

Tra le categorie farmacologiche maggiormente implicate vanno menzionati: gli psicofarmaci, le terapie ormonali, gli antipertensivi. I tranquillanti maggiori e i sedativi ipnotici inducono deficit erettile e riducono la libido. Cause chirurgiche e radioterapiche La radioterapia e gli interventi chirurgici o una malattia in cui scompare lerezione a livello della pelvi possono determinare una disfunzione erettile a seguito di lesioni nervose o vascolari.

massaggio con olio per il pene

La prostatectomia radicale per carcinoma della prostata e la cistectomia radicale per carcinoma della vescica rappresentano, tra gli interventi urologici, le principali cause di disfunzione erettile postchirurgica. Rispetto ai non fumatori, i soggetti fumatori o ex fumatori presentano dunque un rischio significativamente più elevato di sviluppare una disfunzione erettile.

se lerezione di un ragazzo cade

Altre condizioni predisponenti sono rappresentate da obesitàalcolismo cronico e uso di droghe. Le diagnostica della disfunzione erettile In ambito diagnostico si pone innanzitutto la necessità di una valida anamnesi farmacologica.

Impotenza – Disfunzione Erettile

È indispensabile anche far eseguire al paziente una visita cardiologica con test da sforzo, specialmente se pazienti di media età, fumatori ipertesi od obesi, perché sappiamo che talvolta la disfunzione erettile è un segnale di una malattia metabolica o vascolare di nuova insorgenza. Spesso si pone la necessità anche di uno studio vascolare dedicato elettivamente alla vascolarizzazione del pene e dei corpi cavernosi.

Un Rigiscan test notturno che ci dia una risposta normale orienta su una componente non vascolare della disfunzione erettile, questo spesso avviene nel soggetto giovane in cui la componente ansiosa e psicogena è la causa determinante della disfunzione erettile.

L'erezione è una complessa risposta fisiologica che dipende da una perfetta funzionalità delle strutture anatomiche, endocrineneurologiche e vascolari ed è legata anche ad una complessa risposta comportamentale che dipende da una stretta coordinazione a vari livelli del sistema nervoso centrale. Le vie periferiche e centrali che controllano l'erezione sono sensibili a stimoli ormonali e utilizzano una grande varietà di neurotrasmettitori. Due meccanismi principali danno un'erezione: il primo passa attraverso una stimolazione psichica fantasie o stimoli erotici di uno dei cinque sensi ed è mediato dal centro dorso lombare a livello midollare; il secondo attraverso una stimolazione riflessa dei genitali che viene mediata dal centro sacrale. Durante una normale erezione la muscolatura liscia si rilascia e le resistenze periferiche cadono causando un massiccio e rapido afflusso di sangue arterioso; l'elasticità delle strutture vascolari aumenta e il sangue rimane intrappolato nei sinusoidi in espansione dei corpi cavernosi. E' richiesta una franca e precisa descrizione del disturbo e bisogna sapere se questo è accompagnato da calo del desiderio, da disfunzioni eiaculatorie o da difficoltà orgasmiche.

È importante che anche la componente psicogena venga affrontata, chiaramente in base alla tipologia del paziente, per cui spesso specialmente nel giovane anche la consulenza con il sessuologo clinico è un valido aiuto in un giusto percorso diagnostico e terapeutico.