Anatomia dell’apparato genitale maschile | SIAMS

La parte anteriore del pene

Struttura e funzione. Il pene dal latino penis, "coda, pene"detto anche asta, verga o membro virile, è l'organo esterno dell'apparato urogenitale maschile v.

la parte anteriore del pene

Pelvi, Organi genitali maschili. È costituito essenzialmente da corpi composti di tessuto erettile che, con il loro inturgidimento, rendono possibile la funzione copulatoria. La fisiologia dell'erezione si basa su importanti modificazioni funzionali del sistema orto- e parasimpatico, che consentono un iperafflusso ematico, con aumento di pressione negli spazi cavernosi, nella fase precedente il coito.

Struttura e funzione di Gabriella Argentin Il pene è costituito da tre corpi cilindrici di tessuto erettile: i due corpi cavernosi del pene e il corpo cavernoso o spongioso dell'uretra, impari e mediano.

Radice del pene

I corpi cavernosi, separati da un sottile setto e circondati da una guaina di collagene, decorrono affiancati formando i due terzi dorsali del corpo del pene. Sulla superficie dorsale, lungo la loro linea di giunzione, è presente una doccia longitudinale occupata da due arterie e da una vena, dette dorsali; in corrispondenza della superficie ventrale si trova il corpo spongioso, che si origina tra le radici dei corpi cavernosi e si estende fino alla parte distale del pene circondando l'uretra, un condotto proveniente dalla vescica e in comune tra l'apparato urinario e quello genitale, poiché non solo convoglia verso l'esterno l'urina, ma rappresenta anche la via di emissione dello sperma.

All'estremità distale il corpo spongioso forma un rigonfiamento, il glande, costituito da tessuto connettivo compatto contenente un plesso di grosse vene anastomizzate. Il corpo del pene è rivestito da un manicotto cutaneo, che all'altezza del glande si flette all'interno formando il sacco prepuziale o prepuzio. Il pene viene definito organo erettile perché, per deporre le cellule spermatiche nelle vie genitali femminili, passa da uno stato di riposo a uno stato in cui raggiunge una notevole rigidità, aumenta di dimensioni e assume una posizione eretta.

Questo meccanismo è dovuto alla disposizione e alla struttura dei vasi sanguigni afferenti ed efferenti dei corpi cavernosi. Il tessuto erettile del pene riceve il sangue dalle arterie profonde del pene, che si originano da quelle dorsali.

la parte anteriore del pene

La maggior parte del sangue lascia i corpi cavernosi seguendo le vene profonde del pene. L'erezione comincia con il rilasciamento della tunica muscolare delle arterie e del tessuto, che provoca la vasodilatazione delle arterie stesse e quindi l'afflusso di sangue nelle lacune dei corpi cavernosi. Mano a mano che i tessuti iniziano a dilatarsi comprimono le vene impedendo al sangue di defluire.

Questo si accumula, la sua pressione aumenta e il tessuto erettile, soprattutto quello dei corpi cavernosi, diventa rigido. Il corpo spongioso del pene, invece, non raggiunge mai, durante l'erezione, una completa rigidità, perché le alte pressioni potrebbero schiacciare l'uretra e impedire il passaggio del liquido seminale. Dopo l'eiaculazione, cioè l'espulsione dello sperma, le tuniche muscolari arteriose riacquistano il loro tono: l'afflusso di sangue si riduce e quello accumulato viene lentamente spinto nelle vene.

la parte anteriore del pene

Filogenesi di Gabriella Argentin La riproduzione sessuale, quella mediante la durante lerezione aumenta nel tempo il nuovo organismo prende origine dalla fusione di specifiche cellule dette la pene nascosto anteriore del pene v.

La riproduzione sessuale avviene secondo due modalità: i gameti vengono rilasciati nell'ambiente fecondazione esterna o gli spermatozoi sono introdotti nelle vie genitali femminili fecondazione interna.

Quest'ultima modalità rappresenta un adattamento riproduttivo essenziale per gli organismi terrestri, in quanto se i gameti fossero rilasciati in un ambiente asciutto morirebbero rapidamente per disidratazione. Inoltre, la fecondazione interna, oltre a garantire le condizioni ottimali per l'incontro, offre l'opportunità di proteggere la prole nelle prime fasi di sviluppo. Nel corso dell'evoluzione è stata messa a punto una straordinaria varietà di strutture e strategie allo scopo di realizzare questo tipo di fecondazione.

In genere, in molti Invertebrati e in varie specie di Insetti, nei quali il pene si è evoluto indipendentemente, il maschio presenta un organo copulatore che gli permette di depositare i gameti nelle vie genitali femminili.

Alcuni animali sono invece privi di organi copulatori. Il maschio dei ragni deposita una goccia di la parte anteriore del pene sulla tela, 'impacchettandola'; successivamente raccoglie il pacchetto con una porzione specializzata dell'arto anteriore e lo trasferisce nell'organo genitale femminile.

la parte anteriore del pene

Il maschio del polpo, invece, produce masse di spermatozoi che immette nella femmina per mezzo dell'apice di uno dei suoi otto bracci; una volta inserito nella cavità del mantello della femmina, l'apice del braccio si spezza e una pioggia di spermatozoi si riversa sulle uova; successivamente, l'apice perduto si rigenera. Negli Insetti sono presenti organi copulatori costituiti da parti sclerificate di varia forma, che spesso assumono una notevole importanza per la classificazione.

Per quanto riguarda i Vertebrati, tutti gli animali terrestri e quelli acquatici vivipari che mantengono l'embrione all'interno del corpo materno attuano necessariamente la fecondazione interna e quasi tutti sviluppano organi copulatori per l'introduzione degli spermatozoi nelle vie femminili.

Queste strutture sono presenti nei Pesci cartilaginei, in alcuni Rettili, in alcuni Uccelli e in tutti i Mammiferi. Nella maggior parte dei Rettili e degli Uccelli, invece, la cloaca, una tasca nella regione posteriore del tronco, comunicante con l'esterno e nella quale si aprono gli orifizi dei sistemi digerente, genitale e urinario, serve al passaggio delle uova e degli spermatozoi oltre che all'eliminazione dei prodotti di rifiuto.

In questi animali l'accoppiamento avviene con la sovrapposizione delle cloache. Negli squali e nelle razze, l'organo copulatore o gonopodio deriva dalla modificazione della pinna pelvica: si tratta di un'appendice digitiforme dotata di una doccia lungo la quale corre lo sperma.

  1. Shutterstock Conosciuto anche come verga o asta virile, il pene è l'organo copulatore maschile, che ricopre anche il ruolo di ultimo tratto delle vie urinarie.
  2. Pene dopo la riassegnazione di genere

Anche nei pochi Pesci ossei vivipari, nei quali è necessaria la fecondazione interna, si sviluppa nella pinna anale una struttura simile al gonopodio. I maschi delle lucertole e dei serpenti possiedono strutture peculiari chiamate emipeni, costituite da un paio di diverticoli che possono essere estroflessi al momento della copulazione; uno di essi viene inserito nella cloaca femminile per guidare lo sperma.

Nelle tartarughe e nei coccodrilli vi sono strutture impari che possono essere considerate precursori del pene dei Mammiferi: derivano da un ispessimento della parete della cloaca e comprendono un glande e un la parte anteriore del pene erettile, dotato di una rete vascolare che permette il turgore del pene e la fuoriuscita del glande dall'apertura cloacale.

Com’e’ fatto il pene e come funziona

Negli Uccelli, come già detto, di regola mancano gli organi copulatori, che sono tuttavia presenti nel maschio del cigno e dell'anatra. Si ritiene che questa assenza non sia un carattere primitivo ma un adattamento secondario.

Tumore del pene: sintomi, prevenzione, cause, diagnosi - La parola all'esperto

In tutti i Mammiferi è presente il pene che si estende all'esterno del corpo e il glande è avvolto da una plica di cute, il prepuzio. Ontogenesi di Gabriella Argentin Durante lo sviluppo embrionale, la formazione dell'organo copulatore avviene solo dopo la produzione, da parte dell'abbozzo testicolare, dell'ormone sessuale maschile, il testosterone.

La presenza o l'assenza di questo ormone indirizza la formazione dell'embrione in senso maschile o femminile.

L'embrione si differenzierà in femmina se non viene sottoposto all'azione degli androgeni, indipendentemente dal sesso genetico, cioè dall'avere come cromosomi sessuali due cromosomi X oppure un cromosoma X e un cromosoma Y. Il principale responsabile del dimorfismo sessuale è, quindi, il testicolo embrionale, mentre l'ovaio non ha alcuna partecipazione.

la parte anteriore del pene

Il pene origina dal seno urogenitale, la porzione ventrale della cloaca embrionale nella quale sboccano i dotti ureterale e genitale. La parte superiore di questa struttura, il canale vescicouretrale, entra a far parte dello sviluppo della vescica, mentre il destino della porzione inferiore, il definitivo seno urogenitale, è intimamente correlato con lo sviluppo dei genitali esterni.